“Tratterete lo straniero che abita fra voi come chi è nato fra voi; tu lo amerai come te stesso; poiché anche voi foste stranieri nel paese d’Egitto”

Levitico 19: 34

giovedì 25 luglio 2013

Territorio Libero di Tergeste

Dopo il ritorno in auge del Movimento Trieste Libera (MTL), è tutto pronto per il debutto del Movimento Tergeste Libera (MTerL) che si basa sulla tesi, mai ufficialmente smentita, che Trieste sia ancora una città appartenente all’Impero Romano e che dunque, non esistendo più quest’ultimo, la città sia sovrana ed indipendente sul suo territorio. Sembra infatti che, alla caduta dell’Impero, i triest… ops, tergestini fossero troppo impegnati a bere spritzetti ai baracchini dei topolini, e che quindi i molteplici invasori susseguitisi in quegli anni, trovando una città disabitata, l’abbiano semplicemente ignorata.

Stando ai fatti, sul Territorio Libero di Tergeste (TLTO, dove la O sta per “Originalis”) - che, a dire il vero si limiterebbe alla parte di cittavecchia circondata dalla cinta di mura del 33 a.C. - non avrebbero avuto giurisdizione né l’impero Bizantino né quello Austroungarico né tanto meno l’Italia.

Massimo Cesaris, imprenditore friulano nato a Udine e ciononostante fondatore del Movimento “tergestino”, assicura che solo la sua e poche altre famiglie possono contare su un’origine romana al 100%. Tuttavia si è reso disponibile alla collaborazione con le autorità cittadine se queste si diranno favorevoli ad affrontare il nodo giurisdizionale che da secoli mantiene Trieste in un limbo senza diritti. Poco importa, se la città continuerà ad essere amministrata da coloro che negli ultimi 50 anni non hanno fatto nulla per essa: tanto lui vive a San Daniele!

Gli obiettivi del Movimento sono comunque chiari: 1) ripristino della legalità internazionale; 2) spostamento della popolazione dentro i confini del 33 a.C. (zona α); 3) recupero delle Saline in Borgo Teresiano; 4) abbattimento di Palazzo Cheba, simbolo insopportabile del potere occupante, e ricostruzione al suo posto della taverna “Miscere” dove i pescatori passavano le serate a ubriacarsi di fronte al porto; 5) ripristino del dialetto Tergestino - definito da Wikipedia come “un idioma di tipo retoromanzo, affine al friulano e al ladino” - quale lingua ufficiale della città.

Anche se è appena nato, il Movimento per il TLTO sembra però già scontrarsi con i sostenitori del TRC, aderenti a un’organizzazione che fa risalire alle popolazione pre-indoeuropee l’origine di Trieste e del suo Territorio Libero dei Castellieri.

27 commenti:

  1. di pessimo gusto...svegliati e cerca di affrontare gli argomenti seri come vanno affrontati! .... :\ siamo coetanei ma tu sembri un vecchio e corrotto politico, che non avendo altri argomenti sbeffeggia senza dire niente di sensato!
    che tristezza!

    RispondiElimina
  2. soliti universitari che no capissi un cazzo...se te pensi de eser furbo e de far rider qualchidun te son fora...me vergogno de ndar al universita perche xe gente come ti...tuti uguali se, incredibile...se te sta cussi ben in italia va viver monfalcon, ma non sognarte de lamentarte dei politici taliani, pulivela soli la vostra merda, perche se ve li sceglie tiniveli

    RispondiElimina
  3. el bel xe che sti qua che vol star in itaGlia xe i primi che se lamenta dei politici/disinformazion/media taliani...se un controsenso vivente...poveri taliani, me fe sai pena

    RispondiElimina
  4. Mi spiace ma siete voi che non avendo altri argomenti contro la giusta rivendicazione del TLTO vi limitate a delegittimare chi difende la legalità internazionale! Svegliatevi: questa volta possiamo farcela davvero! Sempre e comunque Tergeste Libera!!!

    RispondiElimina
  5. poveretto...continua a delirar!

    RispondiElimina
  6. sinceramente, e lo dico da sostenitore del MTL, che qualcuno faccia umorismo sul territorio libero di trieste non mi da nessun fastidio. se son battute da 4 soldi, si autodistruggono. se è roba buona, fa ridere. mi pare più il primo caso, però.

    RispondiElimina
  7. Sono contento di questa satira e dei ormai numerosi tentativi di imitazione: significa che siamo sulla strada giusta!

    RispondiElimina
  8. ma più che altro se studi biologia va a lavorare col plancton o simili. Cosa ne sa di diritto, storia, etc? non che sia fondamentale giammai! Mah, soprattutto visto il tenore della "satira"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e tra l'altro coerente fino al paradosso: metodista/valdese/evangelista (amen) MA ANCHE sinistra e libertà. tremori notturni?

      Elimina
  9. Intanto nessuno è stato in grado di smentire la "romanità" di Tergeste e la sua successiva autonomia. Cosa che mi fa pensare che gli argomenti siano proprio pochi contro il TLTO. E poi se proprio vi piacciono i vostri politicanti triestini potete tenerveli. Io riconoscerò solo amministratori tergestini al 100%!

    RispondiElimina
  10. Un altro personaggio in cerca d'autore!

    RispondiElimina
  11. Me par che te ga più tag sul blog che neuroni in tal zervel, povereto. Saver far satira de qualità xe una dote rara, e go pena gavù l'ennesima conferma che per i cesoti xe impossibile. Però bon dei, almeno te se impegni. Un spritz alla tua!

    RispondiElimina
  12. [IMG]http://i.imgur.com/T0xn3b6.jpg[/IMG]

    RispondiElimina
  13. [URL=http://imgur.com/xoqLOju][IMG]http://i.imgur.com/xoqLOju.jpg[/IMG][/URL]

    RispondiElimina
  14. complimenti!!!! sei divertente come l'influenza...

    RispondiElimina
  15. Quando gli esponenti dell'ex-sinistra si reinventano turbonazionalisti ed italianissimi, pur cercando di camuffare il tutto con dell'ironia fuori luogo, si capisce che hanno finito di aggiungere qualsivoglia informazione utile al dibattito.

    ---

    Noi siamo serissimi, ci aspetteremmo risposte altrettanto preparate, oppure — se è il caso, come pare, che non ce ne siano — che ci venga semplicemente data ragione. Al di là delle opinioni personali di ognuno, che con la questione dello status del TLT non c'entrano assolutamente nulla.

    Se poi, invece, l'obiettivo è quello di farci passare per una "lega 2", magari per isolarci prima di diventare troppo pericolosi... beh, cari, non avete capito proprio nulla.
    (da quando si sono intensificati gli attacchi, le iscrizioni a Trieste Libera sono decollate)

    RispondiElimina
  16. Delegittimazione. Solo una parola per descrivere quello che vedo dietro la maggior parte dei commenti a questo post. Se non si vogliono affrontare le questioni sollevate e se si pensa che il Territorio Libero di Tergeste sia solo un'azione goliardica allora è meglio finire qui la discussione (ma evidentemente in questo modo ci viene data ragione). Meglio così: continueremo la nostra azione con più forza e convinzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Quando gli esponenti dell'ex-sinistra si reinventano turbonazionalisti ed italianissimi, pur cercando di camuffare il tutto con dell'ironia fuori luogo, si capisce che hanno finito di aggiungere qualsivoglia informazione utile al dibattito."

      Elimina
    2. La mancanza di ulteriori motivazioni a contrasto delle nostre tesi mi fa capire che siamo sulla strada giusta. W Tergeste!

      Elimina
  17. I commenti a questo intervento han dimostrato delle cose, direi che ha assolto il suo scopo. Bravo Stefano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quindi ci stiamo muovendo nella giusta direzione... Grazie!

      Elimina
  18. ahahaha satira grandissima, i miei complimenti

    RispondiElimina
  19. Premessa felice numero 1: Non sono un sostenitore del movimento Trieste libera e al contrario, per quella che sono le mie idee politiche me ne dissocio.

    Detto questo ci tengo però ad esprimere la mia opinione riguardo il, secondo me, poco riuscito tentativo di satira qui pubblicato che, ad essere sinceri, non trovo ne particolarmente divertente ne tantomeno particolarmente pungente.

    Mi è parso un vano tentativo di istigare una reazione dai toni beceri, che ovviamente non è mancata, sapendo benissimo dove si sarebbe andati a parare senza però dimostrare nulla di concreto alla fin fine.

    Trovo che gettare il sasso in acqua ed osservare poi le increspature che questo va a creare sia un gesto fine a se stesso, ed è quello che è, secondo la mia opinione, questo blando e poco riuscito tentativo di satira.

    L'unica cosa che prevale da tutto ciò è la pochezza di argomentazioni contro il movimento Trieste libera e il basso livello, riferendomi alle argomentazioni, che caratterrizza una buona fetta dei suoi seguaci.

    Detto ciò, ribadisco che questo è solo il mio pensiero, e di conseguenza vale quello che vale e trova il tempo che trova.

    Ric.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dire... usando una lingua molto cara a noi sostenitori di Tergeste libera "De gustibus non disputandum est".

      Elimina