“Tratterete lo straniero che abita fra voi come chi è nato fra voi; tu lo amerai come te stesso; poiché anche voi foste stranieri nel paese d’Egitto”

Levitico 19: 34

giovedì 16 aprile 2015

Nuova partenza e nuove idee per le adesioni alla FGEI

Condivido qui di seguito un mio articolo apparso sull'ultimo numero del Notiziariofgei (scaricabile gratuitamente QUI, grazie al link messo gentilmente a disposizione dalla rivista Riforma), nel quale parlo delle nuove modalità di iscrizione alla Federazione Giovanile Evangelica in Italia. Una proposta di cambiamento molto importante che coinvolge tutti e tutte coloro che si sentono chiamati/e a contribuire a questo grande e decennale progetto. Buona lettura!

Adesioni FGEI: si riparte!

Iscrizione, responsabilità, friends: queste sono tre parole chiave con le quali apriamo la campagna di adesione alla FGEI del 2015. Un campagna che ha introdotto molte novità rispetto al passato. La prima: per iscriversi è sufficiente decidere, come singoli/e o gruppo, di far parte della nostra rete e del nostro progetto, compilando il modulo di iscrizione reperibile su www.fgei.org oppure durante campi ed eventi. La seconda novità riguarda l’assunzione volontaria di responsabilità: far parte della FGEI significa non solo partecipare e condividerne i valori, ma anche prendersene cura; ciò avverrà attraverso il contributo - non solo economico - che ciascuno e ciascuna di noi sarà disposto a dare, attraverso idee, presenza e assunzione di impegni locali o nazionali, e naturalmente esercitando il diritto di voto al Congresso. La decisione di diventare iscritti/e responsabili può essere presa in qualsiasi momento dell’anno semplicemente versando un contributo libero a partire da 10 €.


Il terzo cambiamento coinvolge i/le senior friends che da quest’anno diventano FGEI friends; questo progetto è visto in un’ottica di sostegno libero alla Federazione da parte di singoli/e o di gruppi, istituzioni e associazioni (p.es. Chiese o Consigli di Chiesa, Opere, etc.) che, al di là del contributo economico, possono così farci sentire la loro vicinanza, sentendosi a loro volta parte della Federazione.

Naturalmente, tali novità non sono nate da idee estemporanee, ma hanno coinvolto la Federazione in una lunga riflessione iniziata nei precedenti mandati e sfociata in un O.d.G. congressuale che ci ha chiesto di proseguirla a tutti i livelli; riflessione che ha considerato la tensione tra il sentirsi parte e il partecipare, l'evoluzione del del concetto di militanza a livello giovanile, l’idea di contribuire perché si fa parte, piuttosto che quella di pagare per fare parte. La nuova modalità sarà attiva fino al prossimo Congresso il quale avrà il compito di valutarla, di proporre modifiche oppure un ritorno al passato.

Naturalmente siamo consci che, con questo cambiamento, l’attuale Consiglio - e la FGEI tutta - si sono esposti a possibili critiche. Tuttavia da un lato siamo coscienti che il prossimo Congresso saprà prendere le decisione più corrette, anche prendendo in esame tali critiche, dall’altro, personalmente, credo che sia compito di ogni generazione di fgeini/e interpretare il tempo, la Chiesa e la società in cui vivono. Per questo motivo - con un filo di ironia - penso che tra dieci o quindici anni sarò felice e soddisfatto della futura FGEI se non la comprenderò totalmente; indice che i/le giovani saranno ancora in grado di vivere, gestire e interpretare la loro Federazione.

E voi? Non vi siete ancora iscritti/e? Contribuite con noi a questo bellissimo progetto!

Nessun commento:

Posta un commento